#ilbasketlivorneselive: TUTTE LE NOVITA' DELLA PALLACANESTRO LIVORNESE SU TWITTER IN TEMPO REALE -- WWW.ILBASKETLIVORNESE.IT -- IL NOSTRO SITO SU TWITTER; IL NOSTRO SITO SU FACEBOOK

giovedì 31 dicembre 2009

BUON ANNO A TUTTI VOI

Auguriamo a tutti un buon 2010 con la speranza che sia migliore rispetto al 2009 e che vi porti tutta la felicità di cui avete bisogno. Tanti auguri!!!! Ci rivediamo nel nuovo anno!

BAR24@ILBASKETLIVORNESE.IT WWW.ILBASKETLIVORNESE.IT

mercoledì 30 dicembre 2009

UN PASSO NELLA STORIA

I festeggiamenti dei tifosi della Libertas Livorno dopo la vittoria in gara 4 della finale scudetto del 1989 sulla Philips Milano in casa dei lombardi.

CHI SALE E CHI SCENDE - PARTE 3

Arriviamo alla fine di questo corto viaggio che ci ha portato a vedere chi, secondo noi, ha meritato il più e il meno in questo 2009 per quanto riguarda la pallacanestro livornese. Ecco gli ultimi due:

CHI SALE - Le formazioni della Libertas e dell'US Livorno Basket: Sono diventate rispettivamente la prima e la seconda squadra maschile della pallacanestro cittadina. La Libertas Livorno affrontava come matricola il primo campionato nazionale (la serie C dilettanti) dopo anni di militanza che campionati minori. I gialloblu sono riusciti a raggiungere la salvezza per mantenere la permanenza nella categoria per la stagione 2009/2010. L'US Livorno Basket ha invece avuto una stagione sfortunata che si è conclusa con la retrocessione dalla serie C regionale alla serie D regionale. Fortunatamente è arrivato, nel corso dell'estate, il ripescaggio nella categoria appena lasciata e gli amaranto stanno affrontando questo campionato con il massimo dell'impegno, conducendolo anche in testa alla classifica per una buona parte del girone d'andata.
CHI SCENDE - Il Sindaco Cosimi e gli Assessori dello Sport: non volevamo mischiare politica e sport ma purtroppo quest'anno si sono incrociato spesso. Il sindaco Cosimi e i due Assessori allo Sport del Comune (assessori perché ci sono state l'elezioni e in questo ruolo si sono alternati D'Alesio e Ritorni) hanno illuso tutti gli appassionati cittadini per tutta la stagione promettendo di tutto un pò ma mantenendo ben poco. Come succede spesso nella politica cittadina le promesse vengono presto abbandonate. Che ci vogliamo fare???.

martedì 29 dicembre 2009

CHI SALE E CHI SCENDE IN QUESTO 2009 - PARTE 2

Continiuamo a sbizzarrirci sui personaggi e le squadre che hanno fatto, nel bene e nel male, la storia della pallacanestro livornese in questo 2009.
CHI SALE - Le formazioni labroniche del campionato di serie D regionale: l'Acli Stagno, il Don Bosco Livorno, il Meloria Basket 2000 Livorno e la Pielle Livorno. Sono queste le squadre che si meritano il voto più che positivo che hanno dato lustro al movimento cestistico maschile della nostra città. Pensare che nelle serie minori ci sono 4 squadre che portano il colore amaranto è da "brividi". Sembra di essere nella Premier League inglese (il campionato di calcio d'oltre manica) dove Londra, con le sue moltissime squadre cittadine, la fa da padrona.
CHI SCENDE - Gli imprenditori livornesi: a Livorno vedi un sacco di "macchinoni" segno della presenza di forti aziende e di un tessuto imprenditoriale florido. Ed invece non è così visto che, al momento del richiamo, molti di questi si sono tirati indietro per paura di intaccare i loro bilanci per aiutare la causa pallacanestro. Non sto parlando dei piccoli imprenditori che lottano ogni giorno per mantenere viva la loro azienda, ma di quei quattro o cinque grossi imprenditori che nella città hanno una presenza economica consistente ma che si sono dimostrati sordi al richiamo di una passione che è di nuovo stata cancellata.

lunedì 28 dicembre 2009

CHARLIE BELL ED IL SUO TRAINING CAMP

Vecchia conoscenza della pallacanestro livornese con la maglia del Basket Livorno, ecco Charlie Bell durante il suo training camp negli Stati Uniti:


BAR24@ILBASKETLIVORNESE.IT WWW.ILBASKETLIVORNESE.IT

CHI SALE E CHI SCENDE IN QUESTO 2009 - PARTE 1

Partiamo oggi con l'esamina di questo 2009, con tutti i personaggi e le squadre che hanno fatto, nel bene e nel male, la storia della pallacanestro livornese in questi 365 giorni.
CHI SALE - La formazione della Women Livorno: nonostante tutte le varie difficolta economiche in cui si trova la pallacanestro italiana, e quella livornese in modo particolare, la società della Women Livorno è riuscita a salvarsi nel suo primo campionato di serie A1 femminile lottando contro formazioni molto più forti onorando così il nome di Livorno nella pallacanestro che conta.
CHI SCENDE - La società del Basket Livorno: i dirigenti del Basket Livorno non sono riusciti a riportare al palazzetto quella parte della città che ama la pallacanestro. Alla fine il "Game Over" è arrivato definitivamente. La società è stata radiata dal campionato di LegaDue facendo scomparire così una piazza storica della pallacanestro italiana. Attualmente il Basket Livorno è messo in liquidazione per ripianare i debiti soprattutto con i giocatori e lo staff tecnico.

NUOVA RUBRICA DI FINE ANNO

Oggi inizieremo a vedere le squadre, i giocatori livornesi ed i personaggi che hanno gravitato intorno alla pallacanestro livornese, che si sono meritati voti positivi o voti negativi in questo 2009.

giovedì 24 dicembre 2009

IL MOMENTO DELLA LIBERTAS LIVORNO VISTO DAL QUOTIDIANO "IL TIRRENO"

Oggi postiamo l'articolo del quotidiano "Il Tirreno", con firma di Francesco Parducci, sul momento della Libertas Livorno tramite le parole di coach Riccardo Tedeschi.
"LIVORNO. Il girone d'andata della serie C di basket non è ancora finito, ma la lunga sosta è da sempre un'occasione per tracciare un primo bilancio della stagione. La Starweb va alla pausa in un momento non particolarmente felice, una vittoria nelle ultime sei partite, mentre invece l'avvio di stagione era stato ottimo. Nessuno comunque meglio di coach Tedeschi può fotografare la situazione. Coach, come vede questa prima (quasi) metà della stagione? «Direi in linea con le previsioni, almeno per quelle che erano le mie aspettative».«Peccato che fra la prima a Monsummano, dominata per 35', e le sconfitte interne con Costone e Montevarchi ci manchino come minimo 2 punti».Quali sono stati i punti di forza e di criticità?«Come punti di forza direi la duttilità di alcuni giocatori che per mia scelta o per necessità hanno saputo essere determinanti giocando in più ruoli. Poi la pericolosità perimetrale complessiva della squadra. Questa però al tempo stesso è stato anche un nostro punto critico, quando non siamo stati capaci di capire il ritmo della partita. Noi dobbiamo cercare il miglior tiro possibile e senza snaturarci capire che talvolta tirare meno da 3 ed essere più incisivi in area produce molto di più».La panchina produce meno delle altre panchine.«Spesso è stato così. Dipende dalle caratteristiche di alcuni dei nostri cambi che non saranno mai grandi realizzatori e dalle condizioni di Raffaelli dal quale peraltro mi aspetto un buon 2010 se la spalla migliorerà ancora. Però vorrei sottolineare i progressi di Lombardi, uno che a giugno faticava mentalmente a rientrare e che ora è stato determinante in almeno due occasioni».Un tasto dolente. Il pubblico che non c'è.«Sono sincero. Sono stato contentissimo della chiamata perché credo che la mia sia una società che vuole crescere, perché si chiama Libertas, perché ci sono dentro persone amiche e competenti di basket. Ma ho sempre pensato che siamo pur sempre una C1 e siamo la prima squadra di Livorno perché la società di serie A è sparita. Non pensavo certo che le persone che andavano al PalaLivorno venissero a vedere noi, conosco troppo bene l'ambiente del basket della mia città e non mi illudevo. Però vorrei che le persone capissero che stiamo cercando di costruire qualcosa per il futuro e con pochi mezzi a disposizione, che in campo vanno 10 ragazzi livornesi (e 3 allenatori) che con i loro pregi e difetti danno tutto per questa maglia. Io spero di vedere al Palamacchia persone che sostengano i ragazzi e qualche vecchio libertassino che ha voglia di aiutare la sua vecchia società del cuore»."

mercoledì 23 dicembre 2009

IL COMMENTO DI COACH CERRI SULLA VITTORIA DELLA PIELLE LIVORNO

Postiamo il commento, direttamente preso dal sito internet della Pielle Livorno (www.pallacanestrolivorno.it), di coach Cerri sulla vittoria della formazione di via Cecconi nell'ultima giornata di campionato prima della pausa natalizia:
"Chiude tranquillamente vittoriosa la Pielle l'anno 2009. L'avversario,fanalino di coda a zero punti, sfodera un gran primo quarto , sorprendendo i labronici con cinque triple. Poi nel secondo quarto si serra la difesa, Marovelli da tranquillatà alla manovra bianco blu mentre Salazar martella il canestro avversario. Dopo l'intervallo lungo, Calcinaia si riporta sotto le 10 lunghezze, ma è un fuoco di paglia, Livorno non vuole mosche sul naso, Cesareo e c. sono aggressivi in difesa : difesa anticipata e contropiede ,questo il menù vincente. Nel quarto periodo da segnalare la prova convincente di Alessandro Galati."

martedì 22 dicembre 2009

VI RICORDATE CHARLIE BELL?

Vi ricordate Charlie Bell, giocatore statunitense, che ha giocato con la maglia del Basket Livorno nella stagione 2003/2004 vincendo anche la classifica marcatori? Ecco un video con la maglia dei Milwaukee Bucks con cui sta diventando protagonista nella Nba:

giovedì 17 dicembre 2009

SERIE C DILETTANTI: LA SCONFITTA DELLA LIBERTAS LIVORNO VISTA DAI GIORNALI

Postiamo il commento del quotidiano "Corriere di Livorno" sulla sconfitta subita dai gialloblu sul campo di Certaldo nella scorsa giornata di campionato.
"Un passo falso maturato periodo dopo periodo, senza che nessuna delle due formazioni abbia tentato affondi o strappi improvvisi come dimostrano i parziali (22-18, 15-13, 15-13, 13-11).Purtroppo, però, la Starweb Libertas è stata sempre costretta a rincorrere, dettaglio che in trasferta assume toni di fondamentale importanza, soprattutto se all'appello non figura Maurizio Giusti, uno dei cardini del roster a disposizione di Riccardo Tedeschi e capace di produrre solo 4 punti, frutto di percentuali disastrose (0/8 da 3), copione seguito pure dall'altra bocca da fuoco gialloblu, Jacopo Stolfi (13 punti, ma con 4/12 dal campo).E il manuale del basket insegna che a tali condizioni, prendere due punti lontano casa diviene impresa pressoché impossibile.Un vero peccato, perché dopo il successo ottenuto sette giorni da contro l'Mps Colle Val d'Elsa, il trend avrebbe potuto proseguire.Invece l'Usic ha condotto sin dalla palla a due, trovando soluzioni semplici ed efficaci, nonostante una serata da 65 punti.Tuttavia vietato abbassare la guardia, la zona playoff è ancora a portata di mano, anche se molto dipenderà dalla prossimasfida contro la Fides Montevarchi, finalmente sul parquet amico del PalaMacchia.(da Il Corriere di Livorno)."

BAR24@ILBASKETLIVORNESE.IT WWW.ILBASKETLIVORNESE.IT


venerdì 11 dicembre 2009

FANTOZZI A GIOIA TAURO: ECCO COSA HA DETTO LA STAMPA

L'avevamo data noi per primi la notizia dell'ingaggio da parte della società di pallacanestro di Gioia Tauro (la Cestistica Gioiese) di Alessandro Fantozzi, storico capitano della Libertas Livorno, come allenatore.
Oggi postiamo l'articolo, con firma di Andre Puccini con cui il quotidiano livornese "Il Tirreno" racconta la nuova avventura del giocatore simbolo di una metà della pallacanestro livornese.
"LIVORNO. Il richiamo del profondo sud. Il nuovo capitolo nella vita di Alessandro Fantozzi, indimenticato capitano Libertas, si riapre nuovamente sui parquet dello Stivale. Dopo aver assaggiato già con la canotta da giocatore l'atmosfera di piazze passionali come Reggio Calabria (per una stagione, nel 1994-'95) e Capo d'Orlando (dal 1998 al 2003, contribuendo in maniera decisiva alla rapida ascesa e alla conquista storica della Legadue), l'ex play ha scelto di tuffarsi in una nuova avventura.Con i panni di allenatore della Gioiese, un team che milita nel girone H della serie C Dilettanti. A Gioia Tauro, nel cuore della Calabria sulla costa tirrenica, ormai da un paio di settimane Fantozzi ha già ripreso a tessere le fila della sua seconda carriera. Anche se in panchina, quell'altra vita cestistica che aveva cominciato a costruire negli anni passati nelle serie minori. Grazie alle esperienze maturate al timone di Cecina in B2 e ancora prima con il ritorno all'ovile (pur sfortunato, visto il ko nella finale playoff promozione per salire in C1) come faro-testimonial per la sua Libertas.Fantozzi però non sa stare senza palla a spicchi e torna così a rimbalzare anche lui da una parte all'altra dello Stivale, in un tira e molla senza fine tra l'habitat di casa e quei parquet del sud che gli hanno sempre regalato grandi emozioni e soddisfazioni. «La Gioiese è una realtà che ha voglia di crescere e punta a salire di categoria nel giro di poche stagioni: per certi versi, mi ricorda l'approccio della meravigliosa cavalcata vissuta a Capo d'Orlando - spiega la sua scelta il mitico numero 10 gialloblù - Anche in quest'ottica si spiega la mia chiamata: oltre all'impianto puramente tattico, con la mia esperienza posso fornire qualche consiglio prezioso anche per quanto riguarda l'assetto organizzativo».
Nel frattempo però, anche le cose sotto canestro sembrano già decisamente migliorate in coincidenza del suo insediamento al timone: due uscite e altrettanti successi, un bell'en plein iniziato con Battipaglia e allungato nel derby con Rosarno. «L'ultima vittoria soprattutto è stato un esame probante, in una gara molto sentita a livello locale - è il commento di Fantozzi al magic moment dei neroarancio - Quando ho accettato, non conoscevo molto della squadra visto che su questa categoria minore è molto difficile reperire e studiare i video delle partite. Dal punto di vista tecnico però, le individualità nel roster sono ottime: tre argentini naturalizzati e tre italiani di qualità. Ma gli altri sono tutt'altro che riserve, considerato che alcuni di questi giocatori vantano esperienze anche al piano superiore».A differenza di quando infilzava a raffica le retine avversarie, la filosofia tattica di Fantozzi allenatore è però ben differente. «Malgrado si tratti di un organico di qualità, puntiamo molto anche sull'aspetto difensivo» sottolinea il coach della Gioiese secondo in classifica in coabitazione a 16 punti con il Gela.Una graduatoria dominata a punteggio pieno dopo 11 giornate da quel club che rappresenta un tassello fondamentale del suo passato agonistico, Capo d'Orlando. «Mi ritroverò contro una città nella quale ho lasciato il cuore e dove sono sempre in contatto con molti amici», ammette Fantozzi, che all'Orlandina ha scritto pagine talmente importanti da meritarsi un impianto di casa intitolato interamente alle sue gesta (unico caso nella storia italiana per quanto riguarda uno sportivo ancora in attività).Un pizzico di inevitabile nostalgia che però, da livornese doc, sdrammatizza al volo con una battuta: «Peccato che prima del mio arrivo, il calendario dell'andata abbia già consumato la trasferta in Sicilia. Espugnare il PalaFantozzi avrebbe davvero avuto un sapore particolare»."

BAR24@ILBASKETLIVORNESE.IT WWW.ILBASKETLIVORNESE.IT

giovedì 10 dicembre 2009

SIGNORE E SIGNORI: CHE SQUALLORE!!!

Chi, tra gli appassionati di pallacanestro, in queste domeniche non è passato da Porta a Terra, magari per andare al cinema, e ha visto il parcheggio del PalaLivorno (nella foto) vuoto, senza una macchina?
Il sottoscritto vi è passato e, garantisco, è stato come un colpo al cuore.
Un palazzo dello sport con 8.500 posti, inaugurato il 14 maggio 2004 (solo 5 anni fa dopo un lavoro durato oltre 10 anni), una struttura che mezza Europa ci invidia, un palazzo dello sport fiore all'occhiello di tutta la pallacanestro italiana vuoto.
Ci doveva andare a giocare la formazione femminile della Women Livorno (almeno si vociferava prima dell'inizio del campionato) che disputa il campionato di serie A1 ed è rimasta la prima squadra di pallacanestro di Livorno. Invece è stato preferito rimanere al PalaMacchia, il vecchio PalaAllende, storico "catino" dell'Ardenza che ha vissuto e ha fatto vivere la miglior pallacanestro livornese di sempre.
Al PalaLivorno (che fino a poco tempo fa si chiamava PalaAlgida e che ora non ha più nemmeno lo sponsor perché lo ha mollato anche quello) ci vengono artisti di secondo piano per i concerti (i vari Guccini e company) che possono, si attrirare il pubblico, ma non le grandi masse; ci vengono i sindacati o i partiti per farvi i congressi; ci vengono fatte le fiere dell'elettronica; ci vengono fatti vari spettacoli di vario tipo ma quello percui è stato creato, ovvero lo sport della pallacanestro, non vi è più traccia.
Già in LegaDue, come nel campionato dello scorso anno, il PalaLivorno era troppo grosso come impianto e sembrava una cattedrale nel deserto, oggi è proprio una cattedrale nel deserto.
E' vero, la pallacanestro è in crisi un pò da tutte le parti (l'unica che resiste è Siena perché ha dietro il potente Monte dei Paschi). Se per puro caso, "spippolando" sul telecomando della tv, capitiamo sui canali che trasmetto l'Eurolega (la Champions del basket) capita che, in una partita casalinga di Milano, il Forum d'Assago sia completamente vuoto. Una volta si doveva sgomitare per andare al palasport, oggi invece no! Chiudiamo questa parentesi sulla crisi del basket e torniamo a noi.
Dicevamo della cattedrale nel deserto. Signore e signori, è un vero squallore vedere un impianto di questo tipo così vuoto. L'unica volta che il parcheggio del PalaLivorno si riempe è per andare a fare la spesa alla vicina Conbipel e al vicino Declathon.
Bisogna pensare al futuro del basket a Livorno, ricreare quella cultura sulla palla a spicchi che oggi è andata un pò persa. Livorno una capitale al suo tramonto. La vecchia Salonicco del Tirreno che non ha più il potere di attirare i capitali per allestire una o più squadre per poter competere ai massimi livelli.
Che bello sarebbe sentire, un domani, la canzone dell'Eurolega risuonare al PalaLivorno, un impianto che meriterebbe questi palcoscenici. La speranza è l'ultima a morire, noi abbiamo la speranza ed anche la calma di attendere la creazione di una base da cui ripartire perché tutta la storia di cui è stata protagonista la nostra città non deve essere cestinata come una palla di carta.

lunedì 7 dicembre 2009

ALESSANDRO FANTOZZI ALLENATORE DI GIOIA TAURO

Postiamo l'intervista che ha rilasciato Alessandro Fantozzi dopo la sua presentazione lo scorso 28 novembre a Gioia Tauro dove allenerà la formazione locale della Cestistica Gioiese. Intervista concessa al blog www.gioiasport.com:


BAR24@ILBASKETLIVORNESE.IT WWW.ILBASKETLIVORNESE.IT

LEGADUE: UN LIVORNESE IN TESTA ALLA CLASSIFICA

Andando, come sempre, a curiosare nel web possiamo ben notare che la pallacanestro livornese conta ancora.
In particolar modo nel campionato di LegaDue (la vecchia serie A2) dove in vetta alla classifica, a quota 16 punti, si trova la Trenkwalder Reggio Emilia (Pallacanestro Reggiana) in compagnia del Banco di Sardegna Sassari.
Ad allenare proprio Reggio Emilia troviamo Alessandro Ramagli, livornese "doc", di scuola Libertas (ha allenato praticamente tutte le squadre giovanili), che è uno dei tanti ex livornesi che stanno mantenendo alto il nome di Livorno nella pallacanestro che conta.
E' bellissimo vedere che, nonostante manchi una squadra livornese maschile ai vertici (ricordiamo sempre che Livorno sta disputando il campionato di serie A1 femminile), Livorno ha sempre un suo peso nella pallacanestro di oggi con allenatori, vice-allenatori, dirigenti e giocatori che hanno indossato la maglia di una squadra livornese.
CHE BELLO ESSERE LIVORNESE!!!

venerdì 4 dicembre 2009

NOVITA' DAL SITO: IBL CHANNEL DIVENTA IBL TV

Novità dal nostro sito internet. Il canale video che prima si chiamava "IBL CHANNEL" adesso diventa "IBL TV". Cambia il nome ma non la sostanza e rimarrà sempre un punto di riferimento per il sito e tutti gli appassionati di questo sport nella nostra città per rivivere le grandissime emozioni della nostra pallacanestro.

giovedì 3 dicembre 2009

LA PARTITA DELLA LIBERTAS LIVORNO VISTA DAI GIORNALI

Oggi postiamo l'articolo del quotidiano "Il Tirreno" con firma del giornalista Gianni Gorini sulla sconfitta subita dalla formazione della Libertas Livorno sul campo del Basket Piombino allenato dall'ex allenatore dei gialloblu Marco Mori.
"Il Golfo Solbat Piombino batte 76-66 lo Starweb Libertas Livorno nella decima giornata del Campionato Nazionale C Dilettanti.Successo importante per la squadra di coach Marco Mori per dimenticare subito lo stop di Pontedera.Vittoria meritata, partita mai a rischio, la difesa della squadra di Tedeschi è riuscita a contenere bene il Golfo all'inizio, poi ha subito nel secondo l'allungo dei padroni di casa anche senza Losa infortunato dopo 2' (sospetta frattura malleolo gamba destra, si attende la radiografia per valutarne la gravità).Si va al riposo 33-25 per Golfo Solbat.Nel terzo quarto i padroni di casa blindano il risultato con un travolgente Paoli autore di un filotto di punti che danno sicurezza alla squadra (+17, 51-34).Ultimi 10' con Livorno sotto 56-43, cala un pò il tono del Golfo ormai sicuro (+18 a -5').Alla Libertas il parziale finale (23-20).«Abbiamo contenuto il Golfo - sottolinea l'allenatore Riccardo Tedeschi - ma concesso troppo a inizio ripresa quando Paoli ha messo a segno un break che ha chiuso la gara. Abbiamo poi solo in parte recuperato nel finale».«Intensità e agonismo in una partita - commenta Mori - che ci ha visto sempre in testa. Buona difesa, attacco più prolifico, Libertas generosa e grintosa. Nel finale a gara vinta abbiamo solo controllato».(da Il Tirreno - Gianni Gorini)"

mercoledì 2 dicembre 2009

SERIE D REGIONALE: SORRIDONO LE FORMAZIONI LIVORNESI

Nel campionato di serie D regionale possiamo dire senza problemi che, in questo ultimo turno di campionato, hanno sorriso le formazioni livornesi.
Tutte le formazioni labroniche infatti hanno vinto (ad eccezione del Don Bosco Livorno che ha giocato il derby contro l'Acli Stagno).
Il Meloria Basket 2000 Livorno ha vinto a Monsummano, la Pielle Livorno ha sconfitto in casa la formazione del Gmv Basket Ghezzano. Il derby tra Don Bosco Livorno e l'Acli Stagno è terminato con la vittoria di Stagno che ha espugnato così il PalaMacchia (casa del Don Bosco).
Possiamo dunque dire che Livorno, almeno nel campionato di serie D regionale, rimane ancora la BasketCity di un tempo.

martedì 1 dicembre 2009

SERIE C REGIONALE: UN MATCH MOLTO ACCESSO

Lo scorso fine settimana si è svolto il match tra l'US Livorno Basket e il Basket San Vincenzo. Una partita che è finita con la vittoria della formazione livornese su San Vincenzo con il punteggio finale di 90-87.
Ma non è lo scarto di punti che fa notizia ma quello che è successo durante il match.

Per prima cosa il giocatore dell'US Andrea Bettini, ha poco meno di 2 minuti dall'inizio dell'incontro, è stato espulso insieme ad un giocatore di San Vincenzo. Per la cronaca, come si vede dal sito internet della Federazione Italiana Pallacanestro, allo stesso Andrea Bettini è stata applicata la squalifica fino al 10 gennaio 2010. Uscendo Bettini ha è stato offeso da un genitore di giocatore che gioca nella formazione di San Vincenzo ed è salito sugli spalti per replicare verbalmente alle offese. A questo punto inizia una discussione fra i parenti che erano presenti in tribuna e nasce una colluttazione tra genitori. Un giocatore ospite, vedendo la scena, prende e sale sugli spalti per difendere il padre aggredito dal giocatore amaranto. E qui succede il finimondo. Quasi tutti si alzano dalle rispettive panchine ma soltanto con lo scopo di calmare gli animi. Cosa che avviene subito.

A questo punto la parita viene sospesa ed arbitri ed ufficiali di campo vanno negli spogliatoi. Lo stop dura oltre un'ora nella quali vengono convocati sia i dirigenti ed il coach di Livorno che i dirigenti ed il coach di San Vincenzo.

Dopo alcune discussioni si decide di tornare in campo a giocare. Purtroppo, a norma di regolamento, gli arbitri decidono di spedire negli spogliatoi tutti coloro che si sono alzati dalle rispettive panchine. L'Unione rimane con sette giocatori, San Vincenzo con cinque.

Alla ripresa del gioco un giocatore di Livorno (Lenzi) si infortunia. Dopo esce anche Lubrano per un disturbo. Poi ci sono tutte le uscite per falli. Nel frattempo gli amaranto dell'Unione, che erano arrivati addirittura a -22, riescono a trovare la forza con i superstiti. Una rimonta che si compie con la tripla di Giardini che permette all'US di raggiungere il pareggio (86-86). Giardini poi esce per falli, Livorno resta così con 3 giocatori (Vukich, Sacconi e Nicholas Bettini). San Vincenzo riesce ad andare sul +1 con un 1 su 2 ai tiri liberi. Gli ospiti non hanno ancora raggiunto il bonus e quindi posso spendere falli sul finale con il cosidetto fallo sistematico. Vuckich poi (quando San Vincenzo raggiunge il bonus) va in lunetta e realizza un 2 su 2 ai tiri liberi permettendo così il primo sorpasso labronico della partita. Poi San Vincenzo pasticcia e non riesce a trovare (nonostanta la netta superiorità numerica in campo) un buon tiro. Livorno prende il rimbalzo e San Vincenzo spende un altro fallo su Vuckich che, con nervi freddi, torna il lunetta e rirealizza un 2 su 2 ai tiri liberi (90-87).

Una partita veramente incredibile

mercoledì 25 novembre 2009

SERIE D REGIONALE: UN DERBY MOLTO INFUOCATO

In questa ottava giornata di campionato si è svolta l'ennesima sfida stracittadina che sta caratterizzando da anni il campionato di serie D regionale. Questo fine settimana la sfida era tra la formazione del Meloria Basket 2000 Livorno e la Pielle Livorno, il luogo dell'incontro era la palestra della Bastia (chiamata anche PalaBastia) in via Mastacchi.
L'incontro è finito con la vittoria dei "piellini" con il punteggio finale di 85-73 che così espugnano il campo del Meloria. Ma la sfida è stata tutt'altro che calma. Infatti alla società del Meloria Basket 2000 Livorno, come riporta anche il sito della Federazione Italiana Pallacanestro, è stata applicata "una multa di € 40,00 per offese collettive da parte del pubblico agli arbitri" ed ad "Maurizio Voritci (add. arb. del Meloria Basket 2000)" è stata applicata "l'inibizione a svolgere l'attività federale fino al prossimo 29/11/2009 per comportamento irriguardoso nei confronti degli arbitri (30,1a RG) + 29,1a RG con l'aggravante del ruolo rivestito".

martedì 24 novembre 2009

LA PARTITA DELLA LIBERTAS VISTA DALLA STAMPA

Postiamo un articolo del quotidiano "Corriere di Livorno" con firma di Luca Merani sulla sconfitta della Libertas Livorno contro il Consum.it Costone Siena.
"Sulle disperate triple di Stolfi e Sidoti, respinte dal ferro, sfumano le residue speranze della Starweb di riaprire le sorti di una partita davvero maledetta.Contro il Costone Siena arriva il primo inatteso ko interno per la squadra gialloblu, una sconfitta figlia di molte situazioni contrarie alla truppa livornese, prima fra tutte la pessima direzione arbitrale che ha costantemente penalizzato i ragazzi di Tedeschi.Molti sono stati, in verità, anche i meriti di una Siena apparsa sempre lucida, perfino nel convulso finale quando la tripla del sorpasso livornese da parte di Lombardi sembrava poter indirizzare la partita verso un successo interno.I panni dei killer dei gialloblu sono stati indossati da un Catalani in serata di grazia (29 punti impreziositi dalla bomba della parità a meno di un minuto dalla sirena) e da un Franceschini cresciuto in modo esponenziale nel corso della gara e autore del siluro della staffa.Anche dal giovane Bonelli e dal dinamico Bruttini sono arrivate ottime cose che hanno permesso ai senesi di capovolgere il copione di una gara iniziata benissimo dalla Libertas.Nei primi minuti ,infatti, la Starweb è un piacere per gli occhi: gioco in transizione, difesa tosta e grande efficacia offensiva mettono le ali a Stolfi e compagni capaci di piazzare un promettente parziale (15-2).Siena prova a rispondere con Saccani, ma Sidoti e Diana regalano il massimo vantaggio (19-5).Coach Zanotti cambia le proprie pedine e una Consum.it molto più convinta chiude il primo periodo in continuo crescendo (20-14), mentre sulla Starweb inizia ad abbattersi il ciclone Catalani.A inizio secondo quarto Siena si porta sempre più a contatto, trovando presto il primo vantaggio (24-25).La scure dei falli tecnici, si inizia con quello a Sidoti, colpisce i gialloblu e gli ospiti mettono la freccia in virtù di un gioco sempre più efficace.La Starweb è in evidente difficoltà e il solo Giusti, con giocate super, riesce a tenerla attaccata alla partita (34-37 all'intervallo lungo).Il terzo periodo inizia in maniera insolita con due liberi per gli ospiti a causa del fallo tecnico sanzionato a Tedeschi, Siena ringrazia e presto scappa via (34-44).Il solito Giusti e un Diana molto più tonico riaccendono l'ardore livornese e sulla penultima sirena il gap è quasi del tutto limato (56-58).L'ultimo periodo è un corpo a corpo allo spasimo: Saccani esce di scena per falli, ma subito dopo anche "Izio" Giusti gli fa compagnia.Uno sfondamento dubbio, seguito dal solito, tecnico privano la Starweb del suo ispiratore, ma il cuore gialloblu è grande.Stolfi e Sidoti tengono viva la Libertas e la grinta di Bernini tiene in scacco le torri senesi.Lombardi infila l'illusorio sorpasso (74-71), poi i siluri di Catalani e Franceschini mortificano gli sforzi di una Libertas generosa, ma apparsa poco lucida.(da Il Corriere di Livorno - Luca Merani)"

sabato 21 novembre 2009

LA PALLACANESTRO LIVORNESE: UNA STORIA PROVENIENTE DA LONTANO...

Nel mondo la pallacanestro è nata nel lontano 1891 quando ad un professore di ginnastica di origine canadese, un "certo" James Naismith che insegnava alla scuola YMCA di Sprignfield in Massachusetts, gli vienne chiesto di trovare uno sport che tenesse in allenamento i giocatori di baseball e di football nella stagione invernale. Gli venne in mente di prendere un cestino di legno ed una palla di cuoio, ispirandosi ad un vecchio sport canadese chiamato "duck on a rock" ed invento il basketball.
Livorno è stata subito protagonista con questo sport quando sbarcò per la prima volta in Italia. Qui la prima formazione a partecipare ai primi campionato di serie A fu quella del Guf Livorno (la squadra dei giovani fascisti) che nei primissimi anni '30 contribuì a dare vita alle prime partite italiane. Livornese era anche quel professor Bruno Macchia che organizzò le primissime finali scudetto in Versilia - era i primi anni '40 - e livornesi erano pure quegli arbitri leggendari che nel corso degli anni lasciarano un'impronta vera nel movimento cestistico nazionale. Persone come Follati, Sussi, Fabbri, Bianchi, che rappresentarono addirittura l'Italia alle olimpiadi. Nomi che riaccendono la fantasia di coloro che hanno i capelli bianchi.
LA SERIE A: Anche nell'immediato dopoguerra Livorno rimane in serie A per qualche anno. La fusione fra Pro Livorno e Stella Rossa da vita all'Unione Sportiva Livorno - stessa denominazione della squadra di calcio - presieduta dal Gaetano D'Alesio.
IL CONTE MALAGUZZI: Si chiama Cama (una marca di cioccolato) la prima squadra che porta il nome di uno sponsor. Era la metà degli anni '50, la proprietà era del conte Orazio Malaguzzi, che fa follie addiruttura per comprare il mitico Stelio Posar, triestino di nascita, grande realizzatore di razza. Nel 1955 la promozione, con tanto di titolo di "Campione d'Italia di serie B". Nel giro di 4-5 anni, dopo una retrocessione e un altro ritorno fra le "Elette" (la vecchia serie A), verà assorbita dalla Libertas Livorno.
LA LIBERTAS: Gli amaranto (colori originali della Libertas) del presidente Dino Lugetti arrivano nel massimo campionato nel 1959 dando vita alla fusione con il Cama. Da una costola di questa fusione nascerà la Portuale di Alfredo Damiani, antesignana della Pallacaenstro Livorno. I libertassini saranno la prima squadra della città per anni, facendo avanti ed indietro fra la serie A e la serie B per un lungo tempo.
LA PIELLE: Nel 1980, dopo un'assenza di nove anni, Livorno torna in serie A grazie alla Pallacanestro Livorno, che supera la Simod Padova nei playoff e vola in A2. Ma nel frattempo è nata una grandissima rivalità cittadina con i cugini della Libertas. E le partite più di tutto il campionato diventato i derby. Negli anni settanta le sfide stracittadine si giocano in serie B, ma il massimo arriva negli anni '80 quando le stracittadine si trasferiscono in serie A. Dal 1981 al 1989, Livorno avrà due squadre nella massima serie. Per tre anni tutte e due in serie A1.
LA FINALE SCUDETTO: Nel 1989 la Libertas, sponsorizzata Enichem, arriva a un passo dall'impresa delle imprese. Gioca il miglior basket del campionato, conquista la finale scudetto e, dopo cinque partite tiratissime con la Philips Milano, perde di un punto la decisissima gara 5 vedendosi prima convalidare e poi annullare un canestro sulla fil di sirena.
"ERA" QUERCI: E' l'inizio della fine: nel 1991 la Libertas e la Pallacanestro Livorno si uniscono sotto la regia del famigerato professor Francesco Alessandro Querci. Dopo una fidejussione creativa del 1994 viene decretata la cancellazione della società dalla pallacanestro professionistica italiana.
IL RITORNO: Livorno riuscirà a tornare in serie A nel 1997 grazie al Don Bosco della famiglia D'Alesio, poi ci rimane per qualche anno con la gestione del gruppo Mabo. Gli ultimi anni, fino ad oggi, sono stati tutti sotto l'insegna della creatività, sul filo della sopravvivenza. Infine quel filo si è rotto quest'estate con la radazione, di nuovo, di una società livornese dalla pallacanestro di vertice.

venerdì 20 novembre 2009

SERIE D REGIONALE: LE FORMAZIONI LIVORNESI PROTAGONISTE

Ne abbiamo parlato già ad inizio campionato. Il campionato di serie D regionale sarebbe stato una sorta di "Premier League del calcio inglese" visto che ci sono 4 formazioni livornesi proprio come Londra ha molte formazioni nella prima serie del campionato di calcio inglese.
Livorno si conferma la protagonista in assoluto di questa prima parte del girone d'andata. Tutte e quattro le formazioni labroniche, la Pielle Livorno, l'Acli Stagno, il Meloria Basket 2000 Livorno ed il Don Bosco Basket Livorno, si trovano a pari merito a 10 punti, in vetta alla classifica insieme ad altre squadre.
Speriamo che continui così per il resto del campionato con la speranza di vedere le nostre formazioni protagoniste, oltre che del girone di ritorno, anche dei playoff promozione.

venerdì 13 novembre 2009

L'IMPORTANZA DELLA PALLACANESTRO LIVORNESE: 986.390 RISULTATI NEI MOTORI DI RICERCA

Resta alta l'importanza della pallacanestro livornese nel mondo, soprattutto nel mondo del web. Un importanza a cui ha contribuito anche il nostro sito internet (http://www.ilbasketlivornese.it/) e che, se eseguite una ricerca su uno qualsiasi dei più famosi motori di ricerca, riporta i seguenti risultati:
396.000 risultati su Google
184.000 risultati su Yahoo!
179.000 risultati su Virgilio
221.000 risultati su Ask
6.390 risultati su Bing.
Per un totale di 986.390 risultati. Sfiorato il milione quindi. Un risultato che ci rende orgogliosi ancora di più del lavoro che stiamo facendo giorno dopo giorno per divulgare la gloriosa storia della pallacanestro livornese nel mondo.

giovedì 12 novembre 2009

WOMEN LIVORNO: CHE BRUTTO INIZIO

Di sicuro i dirigenti livornesi non si aspettavano un inizio così poco producente: 1 sola vittoria su 5 partite giocate. Per giunta l'unica vittoria è avvenuta fuori casa, sul campo del Napoli Basket Vomero.
Sul parquet del PalaMacchia sono passate tutte le squadre che vi si sono presentate: Taranto, Schio e Priolo.
Ora questa domenica tocca la trasferta di Parma contro una formazione contro cui Livorno ha già giocato in estate durante un torneo quadrangolare. La sconfitta in quel caso fu di misura ma le livornesi potevano recriminare che non erano in pieno organico e che mancavano alcune giocatrice come quella statunitense Kelly che erano impegnata nel campionato USA (Wnba).
Sarà sicuramente una trasferta difficile perché Parma si trova sopra di 4 punti in classifica (Livorno 2 pt, Parma 6 pt) ma questa partita fa affrontata con la massima concentrazione visto che le livornesi si devono togliere dalle parti basse della classifica per non fare la fine dello scorso anno. Guarda la classifica ed il calendario

mercoledì 11 novembre 2009

SERIE C REGIONALE: RIPRENDE LA STRADA GIUSTA L'UNIONE

Riprende la strada giusta l'US Livorno Basket che, dopo la sconfitta casalinga subita contro Pistoia, ha ripreso a camminare sul binario giusto vincendo fuori casa contro il Basket Grosseto.
Una vittoria che contribuisce alla permanenza in vetta alla classifica degli amaranto che ora si trovano, insieme a San Miniato, a quota 10 punti.
Ora tutti gli occhi saranno all'appuntamento di sabato. Sarà un big match con i fiocchi visto che l'Unione affronterà la formazione dell'Etrusca Basket San Miniato.

martedì 10 novembre 2009

PROSEGUE IL MOMENTO MAGICO DELLA LIBERTAS

Sembra non fermarsi più la Libertas Livorno. Dopo la bellissima vittoria sul campo dell'Affrico Firenze, i gialloblu si ripetono anche in casa.
A fare le spese del bellissimo momento di forma che stanno passando i ragazzi di Riccardo Tedeschi è stata, questa volta, la formazione del Galli San Giovanni val d'Arno.
Così la serie di vittorie, iniziato in casa contro Pontedera, si allunga a tre con la speranza di poterla prolungare il massimo possibile e continuare il sogno di rimanere nelle posizioni alte della classifica.
L'organico c'è con giocatori che nelle serie minori sono proprio un vero lusso e quindi tutte le qualità per rimanere nelle posizioni alte del girone ci sono. Non resta che continuare a seguire il campionato che se prosegue in questo modo potrà diventare molto interessante. Guarda il calendario e la classifica.

venerdì 6 novembre 2009

BASKET GIOVANILE: ECCO I PRIMI FRUTTI DEL LAVORO UNITO TRA LIBERTAS E PIELLE LIVORNO

In estate ci fu un evento storico: la creazione di una squadra giovanile unica (vietato parlare di fusione) tra la società della Libertas Liburnia Livorno (erede della gloriosa Polisportiva Libertas Livorno) e quella dell'A.S.D. Pielle Livorno (erede della gloriosa Pallacanestro Livorno) per disputare il campionato under 19 d'eccellenza.
Ora i primi frutti stanno arrivando come dimostra anche l'articolo del quotidiano "Il Tirreno" con firma di Andrea Puccini che noi oggi postiamo.
"LIVORNO. Con la partita contro Castelfiorentino è finito il girone di qualificazione che darà accesso alla fase interzonale del torneo under 19 Eccellenza di basket.Nonostante la rocambolesca sconfitta a tavolino (durante il riscaldamento l'ospite Verdiani ha rotto il cristallo di un tabellone e il match non si è potuto disputare perchè in via Cecconi non c'era quello di scorta come prevista dal regolamento Fip) il gruppo della Pallacanestro Livorno si è brillantemente qualificato alla fase successiva. Il secondo posto, specie in un gironcino di alto livello e molto equilibrato composto da Castelfiorentino, Basket Carrara e dai vicecampioni d'Italia under 17 ed under 19 della Mens Sana Siena (ovviamente trionfatori del raggruppamento), ha un grande significato anche perchè proietta il team di Pistolesi tra le migliori otto della Toscana.A fare buona compagnia alle Triglie anche i cugini del Don Bosco Livorno che daranno battaglia a Basket Pistoia, all'altra corazzata senese Virtus e al Basket Firenze.Nel caso della Pielle, questa è la dimostrazione che le scelte intelligenti fatte in estate pagano e devono essere di stimolo per proseguire nella giusta direzione. Il gruppo che sta vivendo questa magica avventura infatti è quello derivante dalla combinazione delle forze delle rivali storiche Pielle e Libertas: una formazione composta dai migliori prodotti di entrambi i vivai, il fiore all'occhiello assieme alla cooperazione ampliata ai vari gruppi under 17.L'arrivo infatti dei libertassini Tommaso Giusti e Antonello Congedo, con il rientro dal prestito dell'altro figlio d'arte Tommaso Dell'Agnello è un tris che ha arricchito il gruppo di scuola Pielle e formato già da ragazzi di valore come i nati '91 Vannini, Orsini, Michelini, Scardigli, Botteghi, Antonioli, Salazar e i '92 Buzzo, Campana D., Campana F., Giuntini. Oltre agli indiscutibili valori tecnici e fisici, il gruppo ha dimostrato fin qui anche dei valori indispensabili per praticare lo sport e non solo: grande cuore e grande voglia di raggiungere un obiettivo."

giovedì 5 novembre 2009

SERIE C DILETTANTI: IL BELLISSIMO BLITZ DELLA LIBERTAS

La Starweb Libertas Livorno è riuscita a portare via dal campo dell'Affrico Firenze due punti imporntatissimi al termine di una gara non bella ma comunque avvincente e densa di emozioni.
Un blitz pesantissimo che proietta la squadra gialloblu nei quartieri alti della classifica a quota 8 pt, nonostante la dea sfortuna abbia colpito in rapida successione due giocatori della rosa.
La Libertas ha interpretato al meglio la partita, senza mai dare l'impressione di cedere le redini dell'incontro padroni di casa. I labronici però producono un inizio troppo morbido e l'Affrico ne approfitta. All'inizio del secondo periodo di gioco spunta l'orgoglio livornese e per i ragazzi di coach Pacini (allenatore di Firenze) è notte fonda. A metà gara il parziale è di 31 a 31. La Libertas poi afferra le redini del gioco, condannando l'Affrico al secondo stop consecutivo dopo quello patito sette giorni fa contro Prato.
Risultato finale 66-77. Prossimo impegno questo sabato in casa contro la formazione del Galli San Giovanni Valdarno.

mercoledì 4 novembre 2009

LE WOMEN LIVORNO SCONFITTE NEL POSTICIPO

Ecco come viene tratta la sconfitta della formazione della Women Livorno in un articolo del quotidiano "Il Tirreno".
"LIVORNO. Posticipo televisivo amaro per le biancorosse delle Women. Contro le siciliane del Erg Priolo, la compagine labronica è stata costretta ad alzare bandiera bianca al termine di un match combattuto ma dove le ospiti, sospinte da una ritrovata Susanna Bonfiglio, vera mattatrice, hanno saputo avere quella marcia in più. Con una formazione zoppicante - Buccianti e Vujovic entrambe in campo ma con problemi fisici - le atlete di casa sono state brave a tener testa alle ospiti ma solo a tratti.Se infatti nel primo quarto grazie ad un'ottima Crystal Kelly e al "folletto" Carpreaux erano le padrone di casa a gestire i giochi, nel prosieguo la situazione si ribaltava e le ospiti, spronate dalle bombe di Meneghel e dalle incursioni di Bonfiglio, prendevano saldamente in mano le redini della gara. Nell'ultimo tempino, le biancosse con Mariani, la solita Kelly e un'attiva Willis sotto i tabelloni, illudevano per un possibile cambio di rotta, ma le siciliane non ci stavano ed erano loro a chiudere vittoriose la gara. Dati alla mano, non sono serviti alle labroniche i maggior numero di rimbalzi catturati (33 a 30), ma decisive sono state le percentuali al tiro che vedono Priolo dominare con un complessivo 49% (24/49) contro il modesto 37% (24/65) delle toscane, fallose soprattutto dal perimetro (il 2/16 da tre è più che eloquente).Di fronte a un discreto numero di spettatori l'inizio si tinge subito di biancorosso con una super Kelly (alla fine 31 di valutazione con un 10/13 da due, 3/3 nei liberi, 6 rimbalzi e 3 recuperi) e Carpreaux capaci di far girare la squadra alla perfezione. Nel secondo quarto però, come già successo, il meccanismo delle Women si blocca, Bonfiglio scende sul parquet e Priolo prende il volo. Coach Piazza prova a cambiare qualcosa, ma forse osando troppo nel lasciare in panchina Kelly e Carpreaux più del dovuto. Livorno tocca il fondo al 28'44" (38-54), ma la forza di carattere del team si fa sentire e nel giro di 7' con un controbreak di 9-2, rimette in piedi la partita fino a arrivare sul meno 5 a 1'44" dal termine (58-63). Priolo non ci sta e prima con Torok, poi con la solita Bonfiglio mette il sigillo al match."

lunedì 2 novembre 2009

SERIE C REGIONALE: ARRIVA LA PRIMA SCONFITTA PER L'UNIONE

E' arrivata la prima sconfitta di questo inizio campionato per l'US Livorno Basket. Gli amaranto non ce l'hanno fatto e sono stati sconfitti, tra le mura amiche del PalaCosmelli, dalla formazione del Green Team Basket Pistoia.
E' durata solo per 4 giornate la serie di vittorie dei livornesi che, nonostante la sconfitta, restano al primo posto in classifica in compagnia della formazione dell'Etrusca Basket San Miniato.
Una sconfitta che non pesa tanto non solo perché i labronici restano in testa alla classifica ma anche perché avviene ad inizio campionato e di tempo fino alla fine della regular season ne rimane ancora tanto.
Ora non resta che ritornare in palestra, tenere la testa bassa e correre in preparazione della prossima trasferta che sarà sul campo del Basket Grosseto che si trova a solo 2 punti distanza dall'Unione. GUARDA IL CALENDARIO E LA CLASSIFICA

giovedì 29 ottobre 2009

SERIE C DILETTANTI: LA VITTORIA DELLA LIBERTAS VISTA DALLE PAGINE DEL CORRIERE DI LIVORNO

Oggi postiamo un articolo del quotidiano "Corriere di Livorno" in cui si descrivere la vittoria della Starweb Libertas Livorno contro la squadra dello Zetagas Pontedera.
"La Starweb Livorno supera la Zetagas Pontedera al termine di un match costellato di insidie.Partita brutta dal punto di vista tecnico, ma davvero molto intensa nella quale i gialloblu hanno quasi sempre condotto nel punteggio, per poi allungare con autorità nel convulso finale.Sulla sirena la Libertas fa festa godendosi un successo molto sofferto che la proietta a quota 6 punti e che le regala una buona posizione di classifica.A guastare la bella serata dei livornesi è, però, il serio infortunio al ginocchio capitato a Pippo Fava, caduto rovinosamente a terra nel primo quarto di gara e subito trasportato in ospedale.L'inizio della Starweb è promettente: Stofli e Sidoti aprono le ostilità con due entrate vincenti, poi Maurizio Giusti diviene il grimaldello che scardina la difesa biancoblu.E’ proprio il numero 10 livornese a lanciare in fuga la Libertas (22-12) grazie a un immacolato 4 su 4 nel tiro pesante e il vantaggio di Diana e compagni si mantiene importante anche sulla prima sirena (25-16).La sensazione che per la truppa di Tedeschi possa trattarsi di un incontro abbastanza abbordabile svanisce a inizio secondo quarto quando la difesa della Zetagas si fa più intensa, annebbiando le idee dei gialloblu.L'infortunio del play Fava costringe il giovanissimo Tommaso Giusti a rimanere per lunghi tratti sul parquet e la crescente aggressività degli ospiti cambia il canovaccio della sfida.Le palle perse da entrambe le parti non si contano più mentre il punteggio si muove molto lentamente, tutti segnali preoccupanti per la Starweb.Gli arbitri caricano presto di falli l'ispirato Maurizio Giusti e l'attacco livornese ne risente in modo pesante.Pontedera inizia a incanalare la partita sui ritmi a lei congeniali fatti di tanto gioco sporco e il risultato all'intervallo lungo è lo specchio di un match completamente riaperto (38-33).Il terzo periodo non è certamente per palati fini (7-9 il parziale), la Starweb con Stolfi segna dalla lunetta il primo punto dopo oltre 5' di gioco, mentre la Zetagas per l'unica volta mette il muso davanti (38-40).Nel momento più difficile i livornesi hanno la forza di riprendere le redini della gara e nel sofferto ultimo quarto la Libertas trova con Sidoti e Stolfi gli acuti fondamentali, mentre è il sottomano del guerriero Bernini a far scorrere i titoli di coda di una partita vinta con tanto cuore."

LA VITTORIA DELL'US LIVORNO BASKET VISTA DALLA STAMPA

Oggi postiamo un articolo del quotidiano "Il Tirreno" sulla splendida condizione che sta attraversando la formazione dell'US Livorno Basket.
"LIVORNO. A 38 anni, almeno da un punto di vista biologico, si potrebbe anche essere nonni. Paolo Orsini invece gioca a basket e siccome lo fa in un campionato come quello di C regionale nel quale il suo talento c'entra come i cavoli con la merenda, gira le partite ora che ha ritrovato una condizione fisica decente.Sabato sera contro Chiesina ne ha scritti 25, segnando da ogni posizione e giocando in tre ruoli diversi. Con lui, ma non solo con lui ovviamente, l'Us Brusa Livorno è sola in testa al campionato a punteggio pieno, non avendo mai concesso agli avversari di arrivare a 60 punti. Salute.Anche contro Chiesina inizio farraginoso (5-15 al 7'), poi il time-out di coach Boccardi indirizza la partita nel senso giusto e da lì alla fine è una specie di libera galoppata, fino al roboante +24 finale e spazio anche per i ragazzini. Dietro al grande vecchio bene tutti gli altri, a conferma che, giocando al completo (e ancora si attende Lenzi) la vecchia Unione potrà da recitare da primattrice per tutta la stagione.Il resto della giornata. Solo San Miniato e Pescia riescono a non perdere terreno dagli amaranto. Pescia va a riprendersi a Grosseto i due punti lasciati in casa proprio al cospetto dei ragazzi di Boccardi, tutto facile per la squadra di Jaluna in casa con Poggibonsi. Sofferto il successo di Pistoia su Carrara in una partita dal punteggio bassissimo, importante e perentorio quello esterno di Bottegone a San Vincenzo. Bene Viareggio su una Laurenziana che non arriva a quota 50, netta anche la vittoria di Altopascio su Valbisenzio. Punti facili per Rosignano su un Reggello già condannato al ruolo di fanalino di coda.".

mercoledì 28 ottobre 2009

PRIMO SUCCESSO DELLE WOMEN

Oggi postiamo un articolo del quotidiano "Corriere di Livorno" sulla prima vittoria della formazione della Women Livorno che ha un sapore molto particolare visto che è stata conquistata sul difficile campo di Napoli: "NAPOLI - Il primo successo della stagione arriva lontano da casa, a Napoli per la precisione. Ma chi se ne frega. Due punti dovevano entrare nelle casse della squadra di Cinzia Piazza e due punti sono entrati. Non è stata una passeggiata, però le livornesi hanno messo in campo il cuore e la grinta giuste. In altre parole hanno tradotto, per almeno tre "tempini" su quattro, il verbo che l'head coach biancorosso predica da inizio stagione. La partita ha avuto un andamento altalenante. La prima frazione, favorevole a Livorno, con la difesa che ha girato bene, ha portato Carpreaux e compagne all'immediato vantaggio (10-13). Nel secondo tempino il solito blackout, soprattutto in attacco (parziale 14-3), ha permesso alle napoletane di guadagnare inaspettatamente otto lunghezze di vantaggio. Nel terzo quarto fortunatamente è cambiata musica. Un antisportivo su Kelli e una bomba di Balestra (che ne infilerà 4) hanno di fatto cambiato l'inerzia della partita. Per il resto si è trattato di normale amministrazione. Cinzia Piazza è ovviamente più che soddisfatta. «Abbiamo avuto un buonissimo avvio, poi il nostro solito blocco in attacco con la difesa che comunque ha continuato a giocare bene. Dall'intervallo lungo siamo rientrate con il cuore e la grinta giusta e siamo riuscite a portare in fondo la partita». Grande prestazione, ma il coach guarda già alla prossima partita, pardon, battaglia: «Ora c'è Priolo - chiude Piazza- che ha perso all'ultimo minuto con Taranto il che la dice lunga sulla qualità del prossimo avversario»."

martedì 27 ottobre 2009

IL TOUR DI MUSIC BASKET

Inizia a novembre il Tour che porterà MUSIC BASKET in tutta Italia.
Sono proposti, a condizioni favorevoli, CORSI di APPROCCIO e CORSI BASE di MUSIC BASKET per le società che ne fanno richiesta.
I corsi saranno condotti direttamente da Massimo Antonelli, ideatore del metodo.
Gli argomenti trattati
a) Il corso prevede la cura dei fondamentali di attacco con la palla: palleggio – passaggio – tiro – 1 c 1;
b) Gli allenamenti sono finalizzati anche al miglioramento generale della coordinazione, dell’abilità motoria e del cambio di velocità e nel contempo al perfezionamento dell’esecuzione del gesto tecnico, allo sviluppo della confidenza con la palla e ad una “playmakerizzazione” degli atleti e ad una fortissima crescita della “iniziativa personale” sul proprio avversario;
c) Inoltre tutti questi esercizi a ritmo di musica sono finalizzati anche a migliorare la lettura rapida delle situazioni di gioco, le capacità percettive, condizionali e motivazionali dei ragazzi.
Se volete avere maggiori informazione e volete partecipare a questi corsi potete contattare direttamente o il nostro sito WWW.ILBASKETLIVORNSE.IT o il sito WWW.MUSICBASKET.ORG.

SERIE A1 FEMMINIILE: ECCO LA VITTORIA DI LIVORNO VISTA DALLA STAMPA

Postiamo un articolo tratto dalla rassegna stampa del sito della Lega Basket Femminile sulla strepitosa vittoria dei Livorno sul campo di Napoli.
"Napoli - CHE VITTORIA per le labroniche. Oltre venti punti di vantaggio e vittoria più che convincente portata a casa. Al PalaBarbuto di Napoli si affrontano due squadre che in queste avvio di campionato, anche se non hanno espresso un grande basket, sono sempre state combattive e vogliose. La Vomero Basket Napoli e la Women Livorno, infatti, erano in fondo alla classifica a quota zero punti con lo spiacevole primato di non aver ancora vinto una partita. Ma ieri c'è stato il battesimo per le ragazze di Piazza. Veniamo alla storia della gara. La partita nel primo periodo offre veramente poche emozioni. Le due squadre sbagliano molto da entrambe le parti. A tentare di scappare è Livorno che infligge un parziale di 7-0.
MA NAPOLI c'è e risponde con un contro parziale che fissa il punteggio sul 10-13 a fine primo quarto. Le ragazze di Mariano Gentile continuano sulla stessa falsariga del finale del primo quarto anche nel secondo parziale. Napoli, infatti, aggiusta le percentuali dalla lunga andando a referto con la Sarni e la Vengryte da tre punti. Livorno non riesce a rispondere alle vomeresi che dominano anche sotto le plance conquistando importanti extrapossessi con la Vengryte. Il primo tempo si conclude con le padrone di casa avanti 24-16 con pochissimi punti segnati ed un'inerzia che sembra a loro favore. Al rientro sul parquet il gioco riprende in maniera totalmente diversa. Livorno mette in campo l'anima e Napoli non riesce a frenare la Balestra e la Kelly che le infliggono un parziale di 14-2. Coach Gentile le prova tutte ma le sue ragazze non riescono a frenare la vena realizzativa della Balestra, mortifera da tre punti con un eccellente 4/6 dalla lunga. Se poi è la concentrazione a mancare, come nel caso di Vengryte che regala palla alla Kelly su rimessa dal fondo, allora per Napoli è veramente notte fonda. Il terzo periodo si conclude sul +5 per Livorno. Nell'ultimo parziale ci si aspetterebbe una reazione di Napoli che potrebbe tranquillamente recuperare la gara. Ma ciò non avviene per merito di Livorno che non concede spazi. L'ultimo squillo delle padrone di casa arriva con la Maiorano che va' a segno dalla lunga. Livorno, invece, dilaga con un parziale di 20-3 e gioca sul velluto. Finisce 63-41 per le toscane che conquistano i primi due punti del loro campionato dopo le sconfitte contro Sesto San Giovanni e Venezia. Per Napoli ancora un'altra sonora sconfitta. "

lunedì 26 ottobre 2009

SERIE C REGIONALE: CONTINUA IL MAGICO INIZIO DELL'UNIONE

Continua la bella favola di questo inizio della seconda squadra maschile livornese: l'US Livorno Basket. Gli amaranto infatti hanno iniziato benissimo questa nuova stagione del campionato di serie C regionale conquistando 4 vittorie in 4 partite giocate.
Una striscia impressionante per una squadra che lo scorso anno, per molta sfortuna, retrocesse in serie D regionale.
In estate l'inaspettato ripescaggio nella categoria superiore ed ora questa striscia che catapulta i livornesi in testa alla classifica con la consapevolezza di tenere i piedi per terra e giocare ogni partita con la concentrazione giusta. -Guarda i risultati e la classifica

venerdì 23 ottobre 2009

ECCO COME VIENE RACCONTATA LA SCONFITTA DELLA LIBERTAS A SASSARI DAL QUOTIDIANO "IL TIRRENO"

Oggi postiamo un articolo del quotidiano "Il Tirreno" sulla sconfitta della Libertas in terra Sarda contro Sassari: "LIVORNO. Ostica doveva essere e ostica è stata la trasferta in terra sarda per la Starweb. La non miglior serata della stagione fa sì che i due punti restino sull'isola. Tedeschi può almeno in piccola parte consolarsi per aver saputo contenere lo scarto e per il buon rientro di Raffaelli, già vicino alla doppia cifra. «Loro non avevano Bonsignori - racconta il coach - e questo può non averci favorito perché hanno giocato con un lungo atipico che tirava da fuori mettendoci in difficoltà».Poi aggiunge: «Comunque all'intervallo lungo la partita era in perfetto equilibrio. La frittata l'abbiamo fatta nel terzo quarto quando non abbiamo avuto la pazienza per andare a cercare i nostri lunghi e ci siamo adeguati al loro ritmo tirando da 3 con gli esterni, ma questa volta senza buone percentuali».Nell'ultimo quarto si è vista comunque una buona reazione«Sì, ma senza concretizzarla, l'aggancio non c'è mai stato anche perché ho visto riaffiorare in campo un pò di nervosismo. Raffaelli? Sapevamo che lui sarebbe stato un elemento importante del nostro sistema, ora è ancora lontano dal topo della forma, sono sicuro che ci darà ancora di più».Fin qui l'analisi senza sconti del coach. Da aggiungere, senza voler fornire alibi a nessuno, che (come già anticipato in sede di presentazione) andare in campo alle 18 dopo esserzi alzati alle 4 del mattino non è mai facile per nessuno e questo può essere stato l'avversario più difficile da superare. Ma non si poteva fare altrimenti.Il resto della giornata. Mai dire pronostico. Non si fa in tempo a dire che le umbre sono forse un filino sotto alle altre e queste vanno a vincere tutte e due in giornata. Magari non sorprendente il successo casalingo di Orvieto su Prato, lo è e parecchio quello esterno di Terni su un Pontedera che sembrava andare forte. Intanto continua il volo di Piombino a tutto merito di coach Mori. Violato anche il campo di Colle Val d'Elsa e ora Cecchetti e soci guardano tutti dall'alto. La squadra del giorno è comunque la neopromossa Certaldo, ora nel gruppo delle seconde dopo il successo all'overtime sul campo di Montevarchi. Bene i ragazzini del Cus Siena che regolano con tranquillità Monsummano".
L'articolo porta la firma di Effepi

lunedì 19 ottobre 2009

IL MIRACOLO DELL'US LIVORNO BASKET

E' da poco iniziato il campionato di serie C regionale, praticamente da 3 settimane, ma possiamo parlare già di un miracolo.
Il miracolo ha un nome ed è quello dell'US Livorno Basket.
Fino a quest'estate la formazione livornese si trovava retrocessa nel campionato di serie D regionale, dopo la sfortunata serie finale dei play-out. Poi è arrivato il ripescaggio con il conseguente entusiasmo da parte della dirigenza amaranto.
Poi è arrivato l'inizio del campionato di serie C regionale e la conseguente consapevolezza di aver allestito una squadra competitiva.
Ora possiamo già dire che la formazione livornese è veramente competitiva e che oggi, dopo 3 giornate di campionato, si trova a pieni punti in classifica con 3 vittore su 3 partite giocate. Un bilancio niente male per una formazione che, appena la scorsa estate, si trovava nella lista delle formazioni partecipanti al campionato di serie D regionale.
Nella squadra mancano ancora alcuni giocatori importanti assenti perché infortunati ma, come dice un famosa detto popolare, "se il buongiorno si veda dal mattino..." per l'Unione sarà una stagione ricca di soddisfazioni.

venerdì 16 ottobre 2009

LIVORNO v SASSARI: UNA CLASSICA DELLA PALLACANESTRO ITALIANA

Sabato si svolgerà la quarta giornata del campionato di serie C dilettanti. La formazione della Libertas Livorno affronterà una trasferta durissima in terra sarda contro la squadra del Robur et Fides Sassari.
Sarà una sfida, nel suo piccolo, storica visto che per anni Livorno v Sassari è stata disputata nei massimi campionati italiani (serie A1 e serie A2 prima, Lega A e Legadue dopo).
L'ultima sfida tra Livorno e Sassari è stata disputata lo scorso anno in Legadue tra Basket Livorno e Banco di Sardegna Sassari.
Adesso in Legadue esiste sempre una squadra di Sassari ma invece non esiste più una squadra di Livorno e, per vedere questi incontri storici, bisogna scendere nelle serie minori.

mercoledì 7 ottobre 2009

BASKET LIVORNO: IL CRAC DELLA SOCIETA' E' DIETRO L'ANGOLO

E' stata di moda nell'ultimo anno con la crisi finanziara la parola "crac" che ha accompagnato il fallimento di banche ed aziende in giro per il mondo. Ora questa grossa parola viene usata per descrivere un evento che riguarda da vicino noi tutti appassionati di pallacanestro nella nostra città: il fallimento della società del Basket Livorno.
Giocatori come Boyette, Kemp ed Ostler e l'allenatore Sandro Dell'Agnello vantano crediti nei confronti della società per quasi 250mila euro. La società quasi non esiste più ed entro questa settimana verrà depositata, presso il Tribunale di Livorno, l'istanza di fallimento della società che ha rinunciato, quest'estate, a partecipare al campionato di LegaDue.
Sull'istanza di fallimento c'è la firma del procuratore legale di Vigevano Dario Santrolli che rappresenta gli interessi sia di Sandro Dell'Agnello che dei tre giocatori americani: Boyette, Kemp ed Ostler.
A quanto si capisce dalle parole scritte sul quotidiano locale "Il Tirreno", la presentazione dell'istanza non è solo una minaccia campata in aria ma una decisione definitiva ed irreversibile.
Gli ultimi stipendi sono stati versati ad inizio aprile e dopo la mancata qualificazione ai play-off i vertici societari sono spariti insieme agli ultimi stipendi.
Che bella gara....

martedì 6 ottobre 2009

AL VIA QUASI TUTTI I CAMPIONATI

E' partita la nuova stagione della pallacanestro livornese e le novità sono molte.
E' stato sconbussolato completamente il panorama cestistico labronico dopo la torrida estate che ha portato alla scomparsa della prima società cestistica, il Basket Livorno.
Adesso la prima squadra di pallacanestro è la Women Livorno che disputa la serie A1 femminile. Un evento storico visto perché è la prima volta che una formazione femminile diventa la prima rappresentante del movimento cestistico della nostra città.
La prima formazione maschile è diventata la Libertas Liburnia Livorno (erede della gloriosa Polisportiva Libertas Livorno) che disputa il campionato di serie C dilettanti. Altro evento storico perché è dal lontano 1993/94 (se tiene conto anche della fusione) che la società livornese non ricoprere il ruolo di prima squadra maschile cittadina.
La seconda formazione maschile si è ritrovata da essere quella dell'US Livorno Basket. Anche qui altro evento storico di grandissima portata. E' dal lontano 1953/54 che la società amaranto non viene gravata da un peso così importante.
In serie D regionale, invece, sono quattro le formazioni che disputano il campionato. Due formazioni sono delle giovani realtà: l'Acli Stagno ed il Meloria Basket 2000 Livorno. Queste squadre stanno crescendo e consolidandosi nel tempo nelle "minors" toscane e si stanno dimostrando delle vere e proprie mine vaganti per qualsiasi squadra che affrontano. Le altre due formazioni sono il Don Bosco e la Pielle Livorno. Il Don Bosco è una realtà storica livornese, con passati anche nelle leghe maggiori italiane (serie A2) con giocatori storici che hanno indossato la maglia con ottimi risultati. La Pielle Livorno, infine, non ha bisogno di grandissime presentazioni. Erede dell'altra gloriosa società livornese (come la Libertas Liburnia Livorno) che portava il nome della Pallacanestro Livorno, sta cercando di riportare entusiasmo tra gli storici tifosi di via Cecconi (sede della società) e di rinascere piano piano cercando di salire con graduazione le categorie.
LA BASKETCITY STA RINASCENDO....

martedì 22 settembre 2009

SABATO AL VIA LA SERIE C DILETTANTI, IL CAMPIONATO DELLE NOVITA' PER LA LIBERTAS LIVORNO

Sabato partirà la nuova stagione della serie C dilettanti in cui milita la formazione della Libertas Liburnia Livorno.
Questa stagione sarà quella delle novità in casa gialloblù. Cambio in panchina, da Marco Mori a Riccardo Tedeschi; cambio di campo di gioco dal palaMacchia (dove giocava lo scorso anno) al palaCosmelli; cambio di sede sociale da via Oberdan Chiesa nel quartiere di Coteto alla storica sede di via Pera che è stata la casa della Libertas nei gloriosi anni '80.
Ma c'è un altro e più importante cambiamento, soprattutto sotto il punto di vista mentale. Da questo anno, dopo quasi due decenni, la storica società labronica torna ad essere la prima squadra maschile di pallacanestro della nostra città. Un peso sulle spalle che i dirigenti di via Pera (fa quasi impressione ridire sede di via Pera in riferimento alla Libertas) sapranno affrontare nel modo giusto e che la mentalità giusta visto che, come insegnano gli errori del passato recente, non bisogna fare il passo più lungo della gamba soprattutto dal punto di vista finanziario, riniziare gradualmente, senza fretta, risalendo piano piano la china con il tempo giusto.
Una speranza che deve prevalere non solo nei cuori dei tifosi libertassini ma in tutti gli appassionati di questo sport a Livorno.

lunedì 21 settembre 2009

BASKET GIOVANILE: DOMENICA IL TROFEO "NICOLA CHIMENTI"

Tempo di tornei anche nella pallacanestro livornese giovanile. In preparazione alla nuova stagione, questa domenica (domenica 27 ndr) presso la palestra Gemini-D'Alesio di Coteto a Livorno si svolgerà il quinto torneo "Nicola Chimenti". Le squadre partecipanti saranno 4, due di Livorno (la Libertas Liburnia Livorno e il Don Bosco Basket Livorno), una di Siena (la Virtus Siena) ed una di Empoli (USE Empoli).
Il quadrangolare si svolgerà solo nella giornata di domenica, ecco il programma:
- ore 9.00: LIBERTAS LIBURNIA LIVORNO v DON BOSCO BASKET LIVORNO
- ore 11.00: VIRTUS SIENA v USE EMPOLI
Le finali si terrano nel pomeriggio:
- ore 16.00: FINALE 3°- 4° POSTO
- ore 18.00: FINALE 1°- 2° POSTO

venerdì 18 settembre 2009

SI TORNA A RESPIRARE ARIA DI DERBY QUESTA SERA AL TROFEO CITTA' DI LIVORNO

Stasera si terrà, presso il palaCosmelli di Livorno, conosciuto come "il palazzettino", il sedicesimo trofeo Città di Livorno.
Questa sera si terrà anche un derby cittadino veramente eccezionale perché, dopo anni, tornano ad affrontarsi in una stracittadina due formazioni livornesi che sono rispettivamente la prima e la seconda squadra cittadina.
Le due formazioni sono la Libertas Liburnia Livorno (che milita nel campionato di serie C dilettanti) e l'US Livorno Basket (che invece milita nel campionato di serie C regionale).
Le due squadre si sono trovate sulle spalle il peso della tradizione della pallacanestro cittadina dopo che la società del Basket Livorno, per tutte le vicende estive che sappiamo, è stata messa il liquidazione e quindi ha cessato l'attività.
Non resta che, questa sera, recarsi al palaCosmelli e godersi un momento magico che a Livorno non respiravamo da tempo.

giovedì 17 settembre 2009

LA BASKETCITY SOMMERSA

Tutti si ricordano dei titoli che venivano dati alla nostra città durante gli anni '80 tra i quali quella di "Capitale del Pallacanestro Italiana" e veniva soprannominata anche la Basket City italiana perché aveva due squadre nel massimo campionato che davano spettacolo.
Domani e dopo-domani si terrà il XVI Trofeo città di Livorno, un quadrangolare che, da parecchi anni, tiene a battesimo il basket livornese. Le formazioni partecipanti saranno l'US Livorno Basket (società organizzatrice), la Libertas Liburnia Livorno, il Basket Piombino ed il Sei Rose Rosignano. Ma la notizia nella notizia è che si terrà, nella seconda semifinale che si giocherà venerdì 18 alle 21.15, il derby tra US Livorno Basket e Libertas Liburnia Livorno. Adesso vi domanderete: che c'è di così eccezionale in una stracittadina tra due squadre livornesi dei campionati minori visto che, anche in passato, ce ne sono stati un numero infinito? La novità è che questo due formazioni sono diventate la prima (Libertas Livorno) e la seconda (US Livorno Basket) formazione maschile cittadina dopo la scomparsa in estate della società del Basket Livorno. Un pò ccome rivivere i vecchi fasti quando, ad essere la prima squadra era la Libertas e la seconda la Pallacanestro Livorno (o viceversa a seconda della serie), quando ad affrontarsi erano due squadre nelle massime serie della pallacanestro italiana.
Non è la stessa cosa, nessuno lo nega, ma sognare un pò non è male visto i danni che sono stati fatti alla pallacanestro italiana in questi anni.